Selfie: così possono svuotarvi il conto in banca ...

25.01.2017


La moda degli autoscatto, meglio nota come i selfie, potrebbe non essere innocua quanto sembra. A dichiararlo è il ricercatore Isao Echizen nell'ambito di una ricerca effettuata dall'Istituto Nazionale dei Giappone di Informatica. Secondo l'esperto è la diffusione, sempre maggiore dell'autenticazione biometrica a mettere a rischio l'incolumità di chi ama apparire nei selfie, nel prossimo futuro. Con l'utilizzo delle impronte digitali, per accedere ai vari servizi bancari o alle funzionalità dello stesso smartphone, mostrare le mani, nelle foto, potrebbe spalancare la porta all'azione dei ladri.

I modelli di fotocamera, secondo il ricercatore, sono sempre più avanzati ed ormai per risalire alle impronte digitali basterebbe mostrare i polpastrelli, nel classico segno di vittoria, anche ad una distanza di tre metri. I malintenzionati, avverte Echizen, potrebbero così ricostruire le impronte realizzando un semplice calco da utilizzare per accedere ai vari servizi online.

Dagli hacker ai ladri: i malviventi a cui interesseranno le nostre impronte digitali nei selfie sono davvero tanti, perciò premunirsi è d'obbligo. Un fattore sicuramente da non sottovalutare quando utilizzeremo l'autenticazione biometrica per accedere al bancomat.