Inventore del gioco suicidio Blue Whale 'ammette di aver incitato 16 ragazze ad uccidersi,dopo aver detto che  di aver ripulito la società'

15.05.2017

Philipp Budeikin ha sostenuto che  le sue vittime erano "rifiuti biologici" e la polizia teme che nei social media si diffonda velocemente


L' uomo che ha inventato il 'gioco di suicidio' ha ammesso incitamento  di almeno 16 studentesse, ha obbligato loro  di uccidersi partecipando, secondo le autorità al gioco.

Philipp Budeikin è dietro malata social media mania 'Blue Whale', che è rivolto a bambini e polizia temono si sta diffondendo in Gran Bretagna.

Il russo dice che le sue vittime sono "rifiuti biologici" e crede di essere "società di pulizia".

Budeikin è stato riferito, inondato di lettere d'amore da ragazze adolescenti indirizzate a lui in un russo carcere dove è detenuto in custodia cautelare.

Il 21enne che ora ha confessato i delitti, secondo gli investigatori statali - ha detto  negli interrogatori delle forze dell'ordine  che le sue vittime erano "felici di morire".

In un'intervista agghiacciante ha detto: "Ci sono persone - è rifiuti biologici.

"Coloro che non rappresenta alcun valore per la società. Che impongono o solo causare danno alla società.

"Stavo pulendo la nostra società di queste persone. E 'iniziato nel 2013 quando ho creato F57 comunità [online].

"Avevo pensato attraverso questa idea per cinque anni. E 'stato necessario distinguere normali [persone] da rifiuti biologici."

Il gioco letale chiamato Blue Whale comporta un 'amministratore' lavaggio del cervello adolescenti vulnerabili per un periodo di 50 giorni.

Coinvolge esortandoli a completare le attività, tra cui il risveglio a ore strane ,.

Alla fine esausti e confusi, si dice loro di suicidarsi, e si teme in Russia che decine lo hanno fatto per ordine di Budeikin o di altri "mentori".

In Gran Bretagna, una scuola in Essex aveva fatto i genitori consapevoli del gioco a seguito di colloqui con la polizia.

Le forze di polizia in Cambridgeshire e Hertfordshire hanno esortato i genitori a monitorare i social media del loro bambino.

autorità carcerarie russi dicono di aver ricevuto decine di lettere d'amore da ragazze adolescenti per l'indagato al famigerato carcere Kresty in St Petersburg, che passarono a lui da quando si è tenuta nel mese di novembre in attesa di una prova.

Loro dicono che non possono vietare Budeikin - conosciuto anche con il nome Philipp Lis (che significa Fox) - di ricevere e rispondere a ragazze adolescenti che forniscono il loro indirizzo