Bullismo, mamma col coltello a scuola per difendere la figlia

03.05.2017

Sua figlia è vittima dei bulli. Non 'ufficialmente', nel senso che dalle prime informazioni emerse non sono noti episodi di vessazioni nei confronti della bambina.  



 Ma qualcosa deve essere successo, qualcosa la piccola deve aver raccontato in casa. Oppure che, come non di rado succede in questi casi, vi siano stati silenzi significativi. Che la madre ha interpretato come sofferenze, il segno che qualcosa a scuola non andava. Al punto che la madre ieri si è presentata all'uscita della scuola, la media Giuseppe Mazzini di Mirano (in provincia di Venezia), armata di un grosso coltello da cucina. Un gesto premeditato, dunque, segno che 'a monte', si era incrinato qualcosa. Forse nella percezione della madre stessa, non necessariamente nella realtà.

In ogni caso la donna ieri, aspettando il suono della campanella, se ne è stata acquattata in auto come un felino in attesa della preda, salvo intervenire quando ha visto che alcuni ragazzi stavano infastidendo la figlia. Prima li ha rimproverati ed ha cercato di allontanarli gridando, poi, quando sono intervenuti altri genitori, non ci ha letteralmente visto più ed ha estratto il coltello da cucina scatenando un putiferio generale. Alla fine, come riportano i media locali, la calma è tornata, seppure a fatica. Non vi sono stati feriti ma solo tanta paura: sono volate minacce e parole grosse ma nessuno è stato toccato.

Adesso soprattutto gli insegnanti della scuola media veneta dovranno indagare sulle cause di questo spiacevole incidente: se possono essere stati dei veri e propri atti di bullismo nei confronti della bambina o se la madre ha esasperato una situazione che, tutto sommato, rientra nella normalità dei rapporti fra ragazzini. La vicenda è stata immediatamente segnalata anche alle forze dell'ordine che sono intervenute con un paio di pattuglie dei carabinieri allo scopo di aiutare a riportare la calma.



Fonte (https://www.emiliaromagnamamma.it)